domenica 14 giugno 2009

Mercato Juventus: si complica trattativa D’Agostino. Possibilità per Giuseppe Rossi e Dossena. Pandev non interessa



Il calciomercato della Juve ha subito un’improvvisa impennata: se la trattativa per D’Agostino dell’Udinese sembra presentare impreviste complicazioni dovute alla eccesiva distanza tra domanda e offerta, Giuseppe Rossi e Andrea Dossena lanciano segnali di apertura alla Juventus, contrariamente a quanto fa Pandev che nega ogni interessamento.

Il problema di DAgostino sono le contropartite tecniche: per cedere il forte centrocampista della nazionale, l’Udinese vuole almeno un paio di buoni giovani da valorizzare impiegandoli in prima squadra: a ben guardare i nomi sono sempre quelli, De Ceglie, Marchisio e Giovinco. Ci sarà da lavorare ancora, perché la Juve non è affatto disposta a privarsene. Nel frattempo, e chi segue il calciomercato lo sa, potrebbe inserirsi una terza squadra, magari estera, che pagherebbe cash sino all’ultimo euro e si porterebbe via un altro importante calciatore dal nostro campionato.

Per Dossena del Liverpool sembrano invece concretizzarsi alcune voci: Benítez, vista la necessità di ripianare il bilancio della società, ha dovuto selezionare alcuni giocatori da mettere sul mercato e Dossena è tra questi. Se non si chiude subito, però, potrebbe nascerne un’asta come quella che si è sviluppata attorno a Diego, facendo lievitare il costo del cartellino.

Un qualcosa di simile sta succedendo con Giuseppe Rossi al VIllareal: la squadra spagnola ha vissuto per anni al di sopra delle proprie possibilità, finendo con l’accumulare debiti a non finire. Per non fallire, adesso deve cedere qualche pezzo pregiato e Rossi sembra essere particolarmente contento di poter tornare in Italia a vestire la casacca della Juventus.

Sul fronte cessioni, la Juve non ha ancora fatto alcun movimento. Sul piede di partenza Tiago, Poulsen, Mellberg e forse anche Grygera. Il portoghese ha dichiarato di non essersi trovato bene nel calcio italiano(ha fatto bene a dircelo, perché non ce ne eravamo accorti!), a suo dire troppo tattico, e aspetta qualche chiamata da Francia, Inghilterra o Portogallo. Poulsen e Mellberg potrebbero finire in Germania, ad Amburgo e Stoccarda (nella trattativa per Tasci), mentre Grygera, che la società vorrebbe trattenere, sarebbe ceduto solo in cambio di valide contropartite in denaro.

1 commento:

Anonimo ha detto...

E chi cazzo se lo prende poulsen...dopo la genialata dell'anno scorso di dargli 3 milioni all'anno...forse forse se lo regalano.A ripensarci c'è davvero da mettersi a piangere...che manipolo di incapaci

Posta un commento