sabato 31 ottobre 2009

Juventus-Napoli 2-3: sconfitta da panchina corta...



Rocambolesca partita della Juventus che perde in casa contro un ottimo Napoli per 3-2 dopo essere stata in vantaggio di due gol fino al 55'. Una gara da emozioni forti, con molti spunti tattici ma soprattutto uno spunto di riflessione inequivocabile: la Juventus non ha rincalzi adeguati ai calciatori della formazione titolare. Lo abbiamo detto e commentato altre volte, ma in occasioni come questa il divario con le altre grandi d'Italia e d'Europa diviene troppo evidente. E fa rabbia.

La partita contro il Napoli era cominciata benissimo: neanche 20 secondi e Giovinco è già solo davanti a De Sanctis sbagliando per pochi centimetri l'1-0. Ferrara ripropone il modulo 4-5-1 con Trezeguet unica punta supportato da Diego al centro e Camoranesi e Giovinco sulle ali. Pochi metri più dietro, a fianco di Melo c'è Poulsen al posto di Sissoko infortunato: primo campanello d'allarme.

Il Napoli, a parte qualche disattenzione difensiva, spinge molto sulle fasce, dove però per tutto il primo tempo non riesce ad incidere, in special modo sulla destra: Grygera chiude bene ogni spazio, mentre Grosso concede qualche occasione di troppo. Dai piedi di Grygera arriva il gol di Trezeguet: David si libera da campione di Campagnaro e gira di testa in rete il bel cross del ceco.

La Juventus sembra controllare la gara ma pochi minuti prima Aronica ha colpito con una forte gomitata Camoranesi, che dovrà uscire con in volto una maschera di sangue: al suo posto entra Tiago. Secondo campanello d'allarme. Nella ripresa la squadra bianconera sfrutta un clamoroso errore di Contini per portarsi sul 2-0 con Giovinco, ma il Napoli cresce in maniera evidente.

Con Poulsen e Tiago contemporaneamente in campo la Juve non ha mai combinato nulla di buono: pur con caratteristiche diverse, i due mancano di personalità ed incisività. Il Danese, come già accaduto in questo campionato, non viene nemmeno più preso in considerazione dagli avversari, che si sono concentrati, talvolta un po' troppo duramente, sugli altri centrocampisti. Tiago ha sbagliato in fase difensiva nei gol del Napoli del 2-2 e 2-3: sul primo ha finito con l'infastidire Buffon perdendo il suo uomo, nel secondo ha sbagliato il rinvio trasformandolo in un assit per Hamsik.

Anche i nervi hanno avuto un ruolo: il Napoli ha risposto subito con Hamsik (vale almeno 5 Tiago) accorciando le distanze, ma anche lì è emerso come Grosso non fosse in giornata sui cambi di gioco sulla sua parte. Poco efficaci sono stati i cambi, ma Ferrara era obbligato a cambiare qualcosa. Amauri al posto di Poulsen poteva dare maggior peso in avanti, ma questa sostituzione ha finito per indebolire il centrocampo (già indebolito da Tiago!), mentre l'ingresso di De Ceglie per Giovinco ha inciso poco sul gioco. Del tutto inconcludente la mossa della disperazione di collocare Chiellini come centravanti: il difensore ha forse dato più fastidio ai movimenti delle punte che reale supporto.

L'unica nota negativa dei napoletani è stata un po' di sceneggiata. Prima Lavezzi ha impiegato 60 secondi per uscire, fingendo di non aver capito di dover essere sostituito, e poi De Sanctis ha simulato di aver subito un colpo in uscita da parte di Amauri: l'italo-brasiliano (forse) lo tocca lievemente sulla parte anteriore della testa, ma il portiere ex-Udinese si porta le mani di scatto sulla nuca. Ne nasce una rissa con cui si perde almeno un altro minuto e Amauri si becca il cartellino rosso: spiace vedere i calciatori della Juve e l'arbitro Damato abboccare così facilmente, ma è assolutamente ingeneroso attaccarsi a queste cose. Siace soprattutto vedere che la Juventus, con i tanti infortuni che ne stanno accompagnando la stagione, non abbia sostituti all'altezza...

7 commenti:

Anonimo ha detto...

MA...............NON DITE MAI KE IL NAPOLI E VERAMENTE FORTE? SE IL NAPOLI AVESSE AVUTO UNA GUIDA TECNICA ALL'ALTEZZA ....OGGI SAREBBE AI VERTICI DELLA CLASSIFICA VEDI PALERMO E GENOVA MENO MALE KE DONADONI NN CI STA + POI...I GIOCATORI DEL NAPOLI STANNO VERAMENTE DIMOSTRANDO KE SON GIOVANI E FORTI!

Anonimo ha detto...

il napoli ha un solo difetto: la difesa!!I gol della Juve non sono venuti da azioni di gioco ma da grossolani errori dei difensori - mentre quelli del Napoli da azioni di gioco.

Enzozoc ha detto...

Il Napoli è una buona squadra, niente di più, da sesto posto in classifica...la Juve stasera ha fatto una figura barbina come poche...

Anonimo ha detto...

quest'anno la juve non va da nessuna parte.Se non fosse stato per l'albitro stasera finiva anche peggio

Franco ha detto...

Si, tutto giusto, ma nessuno che sottolinea l'aspetto più inquietante per me di questo articolo: Tiago e Poulsen sono due bidoni non fatemi dire di cosa...la Juventus di una volta non avrebbe mai comprato due calciatori così. Magari ne prendeva uno solo (tipo Zavarov o più recentemente Esnaider) ma due insieme non me li ricordo... E se guardiamo bene ce ne sono anche più di due...

Anonimo ha detto...

la juve di una volta non esiste piu'. Adesso c'e' questa e nonostante le critiche che leggo qui sopra penso che con il lavoro si potrebbe are qualcosa di buono. Certo Se mercoledi' abbiamo vinto e' perche' c'era in campo una squadra con Sissoko e non altri...La verita' e' che Ferrara dovrebbe tirare fuori il carattere da alcuni dei giocatori....il carattere che ha mostrato il Napoli che con Datolo e non Maradona ha vinto la partita!

Anonimo ha detto...

Tutti possono sbagliare e anke la juve!!! il campionato NON è finito sabato!!!
La juve ha degli ottimi giocatori,che a volte possono anke sbaglire,ma se ci fate caso sono loro che compongono la squadra nazionale italiana (buffon,cannavaro,chiellini,grosso,a volte legrottaglie e camoranesi,marchisio,iaquinta,del piero...) e poi sono giocatori giovani ed è questo k insieme all'esperienza dei + vekki,manda avanti una squadra...
cmq io non ho trovato PER NIENTE GIUSTA l'espulsione di Amauri!!!

Posta un commento