sabato 7 novembre 2009

Atalanta-Juventus: Conte contro Ferrara, un tuffo nel passato bianconero



Atalanta-Juventus di questa sera sarà un ritorno al passato molto nostalgico per i tifosi bianconeri: sarà inevitabile tornare col pensiero a quella Juventus di Lippi di cui Conte e Ferrara erano due punti fermi e che vinceva in Italia ed all'estero. Era una squadra, quella, dove i campioni (e ce n'erano tanti!) si mettevano al servizio del gruppo e del gioco e non viceversa: entrambi i tecnici, oggi, cercano di trasferire quel loro carisma alle rispettive compagini.

Atalanta e Juventus attraversano due periodi particolari: i bergamaschi hanno cambiato tecnico ed atteggiamento tattico, così come gli juventini, ai quali però non è concesso alcun errore né uscita fuori dagli schemi (come nella partita scorsa la reazione rabbiosa di Doni alla sua sostituzione nei confronti di Conte). Il pericolo è che la gara si trasformi in un gioco a non farsi del male, dettato più dalla paura di perdere che non dalla voglia di vincere.

In questo dovranno essere bravi i due tecnici, entrambi molto votati all'attacco e desiderosi di conquistare la vittoria su ogni campo e contro ogni avversario. La Juventus ha dimostrato di andare in difficoltà contro squadre particolarmente carismatiche (vedi il Napoli) e di subire eccessivamente alcuni movimenti offensivi: l'Atalanta, con Acquafresca e lo stesso Doni, ha ottime armi in attacco, tutte molto mobili e quindi da temere.

La Juventus, dal canto suo, potrà contare su un impianto offensivo di primissima qualità, dove Camoranesi, Diego e Giovinco supporteranno Trezeguet unica punta. Il modulo ha sinora dato risultati apprezzabili, ma adesso serve continuità. A partire da stasera...

1 commento:

Anonimo ha detto...

Bei tempi quelli della Juve di Lippi...
In difesa l'Atalanta è battibile, credo che tornerà al gol Diego!!!!!!!

Posta un commento