domenica 13 dicembre 2009

Bari-Juventus 3-1. Sconfitta immeritata, ma non è solo sfortuna.



La Juventus perde per la quarta volta nelle ultime 5 uscite, Ferrara dice di non avere nulla da rimproverare ai suoi e domani l’Inter potrebbe tornare a +8, vanificando la vittoria nello scontro diretto di 7 giorni fa. La gara è stata intensa e spettacolare, e la Juventus non ha giocato male: purtroppo non gliene va bene una in questo periodo. Il Bari di Ventura, dal canto suo, ha fatto vedere di meritare ampiamente il posto in classifica, oggi ad un punto dalla zona Champions!

Juve in campo con il rombo, con Poulsen davanti alla difesa, Tiago e Marchisio ad ispirare il gioco e Diego a supporto di Trezeguet ed Amauri. In difesa Buffon regge ancora (si opererà domani al menisco) e guida i centrali Cannavaro e Legrottaglie, ai cui lati operano Cáceres e Molinaro. Pronti via ed il Bari è già in vantaggio: dopo sette minuti Meggiorini sfrutta un rimpallo favorevole al limite dell’area e batte Buffon grazie ad una sfortunata deviazione di Legrottaglie.


La gara si mette subito male. La Juventus ha un blocco emotivo e non le riesce nulla per almeno 5 minuti, dove il Bari la aggredisce con un pressing alto che mette in difficoltà i centrocampisti bianconeri. Diego si muove molto sul fronte d’attacco e mette in difficoltà la difesa del Bari quando si accentra dalle fasce. Lo fa in due occasioni: in una Gillet para facilmente, mentre nella seconda il portiere lussemburghese respinge corto e favorisce l’intervento di Trezeguet per il pareggio.

La Juventus a quel punto detta i tempi del gioco e crea molto, grazie alla spinta di Cáceres sulla destra ed anche di Molinaro sulla sinistra che non sfigura nemmeno in fase di ripiegamento sui velocissimi laterali pugliesi. A metà campo segnaliamo l’ottima prova di Poulsen, che ha recuperato un incredibile numero di palloni ed ha giocato bene sull’anticipo, mentre Tiago e Marchisio avrebbero potuto incidere maggiormente.

Il Bari però gioca benissimo di rimessa, evidenziando una forza esplosiva notevole: le sue linee di difesa sono molto compatte e di spazio ne lascia pochissimo, arretrando talvolta anche il decimo uomo dietro la linea della palla. In un’azione di contropiede, quando la Juve controlla la gara e punta al vantaggio, Barreto è fermato fallosamente da Cannavaro in area: un rigore forse non nettissimo, ma il difensore napoletano commette un’ingenuità non da lui, permettendo all’attaccante barese di accentuare il contatto e prendere il penalty. Si va a riposo sul 2-1.

Nella ripresa la Juventus continua a spingere e costruisce almeno 8 nitide palle gol, dove sono pochi centimetri a negare ai bianconeri il meritato pareggio: Trezeguet, Amauri, Tiago, Legrottaglie, Poulsen…a turno sbagliano tutti! Sarebbe bastato concretizzare il 25% delle occasioni da rete per capovolgere il risultato, e invece… E invece Grosso, subentrato a Molinaro, si procura un rigore che Diego, disturbato anche da un laser proveniente dagli spalti, fallisce clamorosamente. Gol sbagliato, gol subito: Almirón, rigenerato da Ventura, sfodera un tiro di controbalzo come alla Juve non gli riusciva nemmeno in allenamento…3-1 e tutti a casa!

In conclusione, la Juve ha dimostrato di avere cuore e di voler fare gioco anche negli spazi ristretti concessi dal Bari, ma sono mancati gli uomini-chiave, quelli che cambiano il volto alle partite: Cannavaro, Diego e Amauri possono e devono dare molto, molto di più…

7 commenti:

Anonimo ha detto...

esatto...iniziamo a parlare di cose serie...dei giocatori non dell'allenatore. Maifredi dice che con questa squadra vrebbe vinto lo scudetto...se Amauri non segna e non smette di lamentarsi ad ogni passaggio Cannavaro e Legrottaglie non corrono Diego non comincia ad essere veramente decisivo se tra i migliori oggi c'era Poulsen tanto criticato dai tifosi che colpa ha Ferrara e cosa potrebbe fare qualsiasi altro allenatore? C'e' che dice che Ranieri almeno faceva qudrare la squadra...con lui i giocatori in campo correvano, Del Piero per primo....insomma SVEGLIA!!!!

Anonimo ha detto...

La colpa è di Ferrara che nn sa dare una impostazione a questa squadra, abbiamo tutti nazionali che sono diventato all'imprvviso brocchi? preparazione atletica sbagliata,psicologicamente sono tutti a terra, abbiamo perso con una squadra che ha un organico che l'anno scorso militaa in serie B e meno male che gli amncava la difesa al completo, ranocchia e compagni. La colpa è di >Ferrara E DELLA DIRIGENZA CHE NN LO MANDA ANCORA VIA. Vogliamo MANCINI e basta con sta cosa delle persone che hanno parlato male della juve, abbiamo perso già Stankovic nn ci facciamo scappare anche MANCINI,

Anonimo ha detto...

Non possiamo dare tutta la colpa a Ferrara!I giocatori della juve non ne parlano male come voi ad esempio secondo Mauro Camoranesi ha dato una spinta molto emotiva alla squadra una cosa che nella juve mancava da tempo...ed è vero una squadra ha anche bisogno di incorraggiamenti dal proprio allenatore ed è quello che Ferrara sta facendo;per me gli ci vorrebbe solo un po' più di esperienza ma io come ho già detto voglio dargli ancora fiducia...
parlando della squadra bè non abbiamo giocato poi così male,non date tutta la colpa a Diego in campo non c'era solo lui quindi non può essere sato lui a far sbaglliare la squadra(si lavora tutti insieme),anche se ha sbagliato il rigore,a tutti può succedere per di più se disturbati da un laser...comunque devo dire che ieri la juve ha continuato a giocare, a provare e ad avere fiducia fino alla fine e quasto gli fa molto onore(bravo Sebastian)!!
..poulsen ha gicato un ottima partita..e un altra cosa che mi ha colpito molto è stato che Almiron(nostro giocatore imprestato al bari) ha chiesto scusa a Ferrara;cosa mai vista ma molto bella!!

Anonimo ha detto...

tutti nazionali???? chi dice che la Juve ha tutti Nazionali non vede le cose chiarajmente. Per quanto riguarda gli italiani abbiamo molti giocatori del VECCHIO gruppo, e si essendo vecchi possono avere dei cali atletici improvvisi (Cannavaro su tutti). Gli stranieri...beh Poulsen e Tiago sono stati molto criticati, per non parlare di Felipe Melo...essere nazionele o meno non conta!!!! Se Ferrara ha una colpa e' quella di non aver puntato da subito su una squadra molto piu' giovane con Ariaudo e Giovinco e De Ceglie insieme a Marchisio in campo. E in attacco...beh...Trezeguet segna sempre gli serve solo uno accanto decente...seriamo che Iaquinta torni e riprenda la stagione dove l'ha lasciata...Mancini???? ma siete pazzi??? e perche', cambiato allenatore magari cambierebbero 2-3 giocatori in campo, vinceremmo 2 partite per poi ripiombare nel problema di fondo...la juve (i giocatori) deve completare il ricambio e deve tirare fuori gli attribbuti!!!

Anonimo ha detto...

...i sondaggi magari adrebbero fatti con piu' di 22 voti...

Luigi ha detto...

Per quanto riguarda i pochi voti del sondaggio (a cui invito tutti a prendere parte) è vero: non possono considerarsi un campione rappresentativo, ma possono dare l'idea di come la pensano i lettori (quelli che hanno voglia di dirlo, ovviamente!).

Anonimo ha detto...

...ho partecipato al voto come gli altri pochi e il mio voto e' andato per chi e' veramente responsabile...chi scende in campo...voglio ricordare che fino all'anno scorso in campo c'era un vero leader, una persona che sapeva non voler perdere...Pavel....quello fa la differenza, non chi allena....

Posta un commento