lunedì 25 gennaio 2010

Esonero di Ferrara: Agnelli vogliono cambio in panchina



L'esonero di Ciro Ferrara da allenatore della Juventus potrebbe essere questione di ore. Gli Agnelli, espressione della proprietà e dell'azionariato bianconero, avrebbero in più occasioni espresso il loro disappunto per l'incredibile striscia negativa della Juve, mai registrata in un campionato dell'era moderna.

Tra i sostituti possibili di Ferrara si continuano a fare nomi più o meno improbabili: sulla piazza, diciamoci la verità, non ci sono tecnici in grado di arrivare alla Juventus e cambiare le cose in pochi giorni: il nuovo allenatore bianconero, infatti, sarà chiamato a compiere un autentico miracolo sportivo per risollevare le sorti dela Vecchia Signora del calcio.


Per di più, non è affatto un mistero che Lippi potrebbe arrivare a fine stagione in qualità di direttore generale e, seppur non esplicitamente, supervisore tecnico della squadra. Quale allenatore di grossa caratura accetterebbe un incarico simile? Si dovrebbe ricorrere sempre a qualche giovane, ma saremmo punto e a capo.

Qualcuno ha parlato di Vialli, che non allena da molti anni, e Michael Laudrup, di cui onestamente non ricordo grandi successi in panchina. Resta sempre in piedi l'ipotesi Zoff quale traghettatore ed affascina il ritorno di Giovanni Trapattoni. Ma sono voci, nulla di più. Probabilmente Ferrara sarà esonerato dopo la gara di Coppa Italia contro l'Inter, una partita secca che potrebbe mandar fuori la Juventus da uno dei possibili obiettivi di ripiego di questa fallimentare stagione.

Ormai la panchina di Ferrara è agli sgoccioli: l'ambiente ha bisogno di uno scossone fortissimo e i calciatori devono perdere l'alibi del tecnico alle prime esperienze. Visto che tutti fanno i loro nomi, li faccio anche io: che ne pensate di un traghettatore come Nevio Scala (ieri in radio dichiarava di voler tornare ad allenare!)? E di Serse Cosmi (dimessosi, cosa rara tra gli allenatori, dalla panchina del Livorno proprio ieri)?

2 commenti:

Anonimo ha detto...

vedo che da buon juventino di calcio ne sai parecchio...
Un allenatore non può allenare 2 squadre della stessa categoria nella stessa stagione, quindi puoi scordarti anche Cosmi...
Airus

Luigi ha detto...

Non raccolgo la polemica, caro Airus. Anzi, ti do anche ragione nel dire che al comma 3 dell'art. 38 delle norme federali si specifica che "nel corso della stessa stagione sportiva i tecnici non possono tesserarsi o svolgere alcuna attività per più di una società". In realtà, però, come altri commentatori ipotizzavano già ieri sera, tale norma è aggirabile grazie ad un elemento contenuto nello stesso articolo, che recita infatti che la norma è valida "salvo diversa ipotesi prevista dall'accordo collettivo con l'Associazione di Categoria".
Peccato per il tuo tono, insomma, avevi anche fatto una giusta osservazione.

Posta un commento