venerdì 15 gennaio 2010

Juventus e Ciro: la partita che non ti aspetti.



Contro i partenopei si è vista una Juventus tutta grinta e cuore, una squadra che pressava un Napoli, seppur pieno di seconde linee, mai domo e coriaceo. Vedendo i tanti passaggi sbagliati era evidente quanto scottasse la palla tra i piedi dei giocatori della Juventus, una paura figlia di quel nervosismo che inevitabilmente la mancanza di risultati porta con sé.

Però finalmente si è vista una Juventus compatta, cinica, che non vedevamo più da quella sciagurata partita gestita male che lo stesso Napoli ci aveva rimontato in campionato, ridando a loro la rinascita e spingendo la Juventus ad un calvario tecnico-tattico, che ha evidenziato le grandi incapacità societarie.

Ma le vittorie lasciano il tempo che trovano e questa Juventus ora ha bisogno di continuare a credere in se stessa, per trovare quella continuità di gioco e risultati che per una grande con il blasone della Juventus sono basilari,  ridando vita ad una stagione in cui tornare essere protagonista.

Adesso sta a Ciro Ferrara dimostrare che i passi avanti visti in Coppa Italia non sono frutto della casualità, ma della rinata convinzione di una squadra che lo segue e vuole dimostrare il suo vero valore. Ora attendiamo fiduciosi la conferma della rinascita nelle partite con il Chievo e la Roma per riprendere là da dove avevamo lasciato la corsa al campionato.
                                                                                                       

                                                                      ZioAle78

1 commento:

Anonimo ha detto...

Spero veramente tanto di continuare così,anzi fare meglio e ritornare quelli di prima... spero in oltre nel ritorno degli infortunati e UNO dei più importanti,Iaquinta,ormai assente da mesi...

Posta un commento