giovedì 29 luglio 2010

Europa League: Juventus parte col piede giusto, doppietta di Amauri


Buona la prima per la Juventus in Europa League. Grazie ad una doppietta di Amauri la squadra bianconera ha ipotecato il passaggio del turno preliminare sul campo degli irlandesi dello Shamrock Rovers. Del Neri ha messo in campo una squadra solida con il consueto 4-4-2, anche se ha dovuto rinunciare all'ultimo momento a Trezeguet.

In difesa il mister opta per la coppia centrale Bonucci-Chiellini, che si sono disimpegnati molto bene in tutte le situazioni, non concedendo quasi nulla agli attaccanti avversari. Sulle fasce benissimo Motta, ma anche De Ceglie si è comportato discretamente in fase di spinta.

A centrocampo, Marchisio ha agito da regista, coperto da Sissoko al suo fianco, con Pepe e Lanzafame a fare da esterni. Ne è venuto fuori un settore nevralgico ordinato e compatto, anche se talvolta un po' prevedibile nelle manovre offensive. Del Neri ha spesso cambiato le carte in tavola invertendo gli esterni o chiedendo a Diego di arretrare per cominciare l'azione.


L'intesa tra i due brasiliani in avanti è stata ottima e proprio da una classica giocata dai e vai tra i due è nato il primo gol, su cui Amauri (foto) ha anticipato il portiere avversario dopo un ottimo assist del suo compagno di reparto. La spinta di Lanzafame e soprattutto di Pepe ha dato alla Juventus un peso offensivo notevole, anche se con qualche black-out.

Lo Shamrock Rovers ha infatti avuto qualche occasione di troppo, specie sugli sviluppi dei cross dalla fascia destra. Del Neri ha giustificato questi pericoli con la minore freschezza atletica dei due centrali difensivi, reduci entrambi dal Mondiale e con meno preparazione alle spalle.

In ogni caso è piaciuto molto lo spirito di gruppo e la compattezza nel pressing: sugli sviluppi della pressione sono infatti venute belle occasioni per Amauri (palo clamoroso) e Marchisio. La fascia destra ha convinto in pieno: Pepe e Motta hanno fatto benissimo entrambe le fasi. Lanzafame, che ha perso qualche pallone di troppo, ha messo in luce ottime qualità che fanno ben sperare.

Non male ha fatto anche Martinez, che ha mostrato spirito di sacrificio in fase difensiva e molto ordine tattico. Talvolta si è accentrato per gestire il gioco, agendo da vice-Diego: una soluzione interessante, anche se provata per qualche frangente o poco più.

Da una sua azione è nato il cross di Motta da cui è scaturito il secondo gol di testa di Amauri, che torna alla doppietta in Europa. Qualche minuto è stato concesso anche a Capitan Del Piero, apparso un po' lento in qualche occasione, ma sfortunato in una conclusione dal limite su assist di Pepe.

E' presto per esprimere giudizi, ma è sempre bene partire con una vittoria, quale che sia la competizione. La Juventus lo ha fatto e ora può pensare che maggiore serenità alla preparazione di una stagione che si aprirà a fine agosto contro il Bari di Ventura.

1 commento:

Marco ha detto...

Buona partita anke se nn abbiamo giocato contro una squadra...ci servono ancora 2 giocatori esattamente krasic e un terzino sinistro tipo fabio coentrao

Posta un commento