lunedì 23 agosto 2010

Calciomercato Juventus: Aquilani e Krasic gli ultimi colpi


Alberto Aquilani e Milos Krasic sono i nuovi acquisti della Juventus: il calciomercato riserva sempre delle sorprese, e i due calciatori, rispettivamente del Liverpool e dello CSKA Mosca, sono arrivati a Torino proprio quando si riteneva fossero ormai perduti per questa stagione. Analizziamo questi innesti e cerchiamo di capire come potranno aiutare la causa bianconera.

Alberto Aquilani (foto) è un centrocampista centrale dalle ottime doti tecniche e dal non meno spiccato senso tattico. In mezzo al campo alla Juve serve un regista che sappia dettare i tempi di gioco e possa rendere meno prevedibili le azioni offensive bianconere.

Quando non riesce a sfondare sulle fasce come vuole Mister Del Neri, infatti, la squadra tende ad innervosirsi, provando e riprovando le stesse soluzioni offensive a cui le difese avversarie, se ben organizzate, possono prendere le misure. E' per quello che serve qualità nei settori nevralgici del campo, quel guizzo che nella Sampdoria era offerto da Cassano e che nella Juve dovrebbe provenire dai piedi di Diego o Del Piero.


A ben guardare, però, nemmeno Aquilani è un regista puro: vede bene il campo ed ha un lancio preciso, ma non detta i tempi alla squadra come fa ad esempio Pirlo nel Milan. Ad ogni modo, un calciatore con un gioco così accentrato su di sé sarebbe poco funzionale al progetto tattico di Del Neri, che prevede grande dinamismo.

Meglio quindi affidarsi ad un centrocampista veloce, dotato di ottima tecnica e che dia un contributo alla corsa ed alla pericolosità offensiva: il suo tiro dalla media distanza è di certo un'arma in più, proprio come la sua fantasia nelle aperture e negli assist.

Milos Krasic, il serbo che professa il suo amore per la Juventus da quasi due mesi, divide il pubblico bianconero. C'è chi lo esalta da subito, paragonandolo addirittura a Nedved, forse per via dei capelli, e chi ritiene sia sopravvalutato. Si tratta di un centrocampista di fascia sinistra molto veloce, dalle spiccate doti offensive ma probabilmente da disciplinare sotto il profilo tattico (Del Neri tende ad invertire gli esterni).

La Juventus esce stravolta da questo calciomercato: dopo l'anno disastroso che ha avuto, era inevitabile. Marotta è riuscito ancora una volta a mettere a segno due colpi senza far svenare la società: i 15 milioni di euro per Krasic saranno pagati a rate in 3 anni, mentre Aquilani arriva in prestito oneroso con un diritto di riscatto a fine stagione fissato a 16 milioni.

Nessun commento:

Posta un commento