venerdì 6 agosto 2010

Europa League: la Juventus passa il turno con una magia di Del Piero


Europa League - La Juve batte per 1-0 gli irlandesi dello Shamrock Rovers ed accede al prossimo turno della competizione, che costituirà l'ultimo ostacolo prima della qualificazione per la fase a gironi (l'avversario sarà sorteggiato domani). Una prova incoraggiante, pur contro una squadra modesta, in cui si è messo in luce Alex Del Piero (foto) con un grandissimo gol.

A dire il vero, Del Neri gli aveva preferito Diego, per lui assolutamente incompatibile con il Capitano bianconero, accomodatosi inizialmente in panchina. La Juventus della prima frazione di gioco è apparsa poco pimpante, anche a causa di un terreno di gioco letteralmente impraticabile: su Modena, dove è stata giocata la gara, si è abbattuto un nubifragio che ha reso il campo un vero pantano.

C'erano tutte le pre-condizioni perché la Juve andasse in difficoltà: su un terreno pieno di pozzanghere, il pallone diventa incontrollabile, scivola via irregolarmente o viene bloccato dall'acqua stagnante, azzerando di fatto la superiorità tecnica bianconera.



Il gioco ne ha risentito, specie per la spinta sugli esterni, spesso impossibilitati a dialogare con le abituali sovrapposizioni. A vivacizzare un po' la gara ci ha pensato un ottimo Amauri, il migliore in campo, che ha messo in mostra belle giocate ed un paio di conclusioni che avrebbero meritato una sorte più benevola. L'italo-brasiliano appare ritrovato: pressa, si smarca, gioca la palla con convinzione e cerca la porta spesso.

Quando la pioggia dà un po' di tregua, si vedono nuovamente i calciatori che hanno ben impressionato in questo pre-campionato: Motta, Pepe, Lanzafame e Bonucci. De Ceglie appare un gradino più sotto degli altri, anche se non lesina impegno dal primo all'ultimo minuto. Anche Sissoko, che pure ha fatto vedere begli interventi, non è ancora al top della forma.

Diego appare invece ritrovato dal punto di vista fisico e mentale, tatticamente ha un gioco diverso dall'anno scorso e opera con un raggio d'azione molto ampio, che lo porta ad arretrare spesso secondo un movimento che abbiamo più volte analizzato. Su un terreno come quello di stasera, però, ha avuto troppe difficoltà e Del Neri lo ha sostituito con Del Piero.

Mossa azzeccatissima. Il Capitano ha mostrato grande freschezza atletica e voglia di mettersi in luce sin dai primi palloni giocati: belle le sue combinazioni con Amauri, Pepe e Marchisio. Lo stadio di Modena lo incita e lui risponde da par suo, sfoderando una prestazione d'altri tempi coronata da un gol su punizione da quaranta metri: una traiettoria "maledetta", che si abbassa all'improvviso davanti al portiere dello Shamrock.

Del Piero sfiora addirittura la doppietta con un colpo di testa in torsione a cercare il palo più lontano, a dimostrazione che la sua candidatura a titolare, anche quest'anno, è seria. Amauri, tra gli applausi del pubblico e di Del Neri, lascia il posto a Trezeguet, che non riuscirà ad incidere. Quello con il francese è un "duello" ormai apparentemente vinto dal numero 9, desideroso di un rilancio immediato.

A proposito di dualismi: quello tra Del Piero e Diego appare insanabile. Per Del Neri sono incompatibili e, a giudicare dalle sue interviste del dopo-gara, il suo titolare è il brasiliano. Per quel che abbiamo visto stasera, però, è un peccato non poterli ammirare insieme, non trovate?

2 commenti:

Anonimo ha detto...

la prossima stagione non credo potremmo aspettarci nulla di meglio...un allenatore senza carattere (ma non dovevamo prendere Benitez?)...in attacco sempre gli stessi (dov'e' Torres? Prenderemo alme Adebajor??)...Diego ed una sola punta non credo possano fare molto...
De Neri vuole giocare con due punte e due esterni offensivi e' chiaro quindi non ha senso mettersi a discutere su coppie improbabili. L'unico passo avanti che possiamo fare e' avere almeno un modulo di gioco fisso senza troppi cambiamenti che hanno stravolto la squadra l'anno scorso!
La Juve punta ancora su Del Piero e vende Giovinco...certo il capitano non si puo' discutere ma ha 36 anni.
La campagna acquisti/cessioni e' ancora deludente...insomma...passare il turno in Europa League non credo possa metterci tranquilli....

Anonimo ha detto...

vendiamo Diego e Camoranesi, compriamo una vera seconda o prima punta e un uom sulla fascia....Del Piero in panchina e forse siamo sulla strada giusta.
Ma i due acquisti devono essere seri....

Posta un commento