martedì 18 gennaio 2011

Milos Krasic - Scheda Tecnica


Biografia: Miloš Krasić (185 cm per 70 kg) nasce a Kosovska Mitrovica, Kosovo, il primo novembre 1984. Cresce calcisticamente nel Rudar, la squadra della sua città, ma già a 14 anni viene notato dai responsabili del Vojvodina Novi Sad, che lo portano nelle giovanili del club, con cui fa il suo esordio nella massima divisione. Resta in biancorosso fino al 2004, quando è capitano della squadra.

All'inizio del 2004 è acquistato dallo CSKA di Mosca e ben presto diventa uno dei beniamini della curva. Vince la Coppa Uefa nel suo primo anno (primo e sinora unico trofeo internazionale del club moscovita) e, in seguito, 2 campionati, due coppe nazionali, tre supercoppe.

Nella Nazionale serba ha al suo attivo due finali Under-21 e fa parte in pianta stabile della formazione titolare della nazionale maggiore sin dal 2008.

Nell'agosto del 2010, dopo una lunga trattativa, è arrivato alla Juventus.

Scheda Tecnica: Krasić è un'ala destra che ricorda da vicino i grandi interpreti di questo ruolo nel passato. Dotato di una velocità elevatissima e di un'ottima tecnica individuale, il centrocampista serbo dà il meglio di sé in fase di spinta sulla fascia, dove è bravo a liberarsi in dribbling dei suoi difensori e ad effettuare cross precisi per gli attaccanti.

Nell'uno contro uno ha davvero pochi rivali, tanto che le difese avversarie sono spesso costrette a praticare un costante raddoppio di marcatura su di lui. Quel che più impressiona non è la velocità, seppur notevole, quanto la facilità nel cambiare passo in pochi metri, cosa che lo rende davvero difficile da marcare.

Bravo anche sotto porta e negli inserimenti di testa, deve migliorare in fase difensiva, dove mostra ancora qualche lacuna. Inoltre, poiché è spesso oggetto di brutti falli da parte dei difensori, ha talvolta la tendenza a "vendicarsi" accentuando i contatti meno gravi e incappando in simulazioni piuttosto evidenti. Un aspetto che va corretto al più presto, per evitare che attorno a Krasic nasca una cattiva nomea che indurrebbe gli arbitri a non fischiare anche i falli più gravi.

Nessun commento:

Posta un commento