domenica 6 febbraio 2011

Doppietta di Matri e gol di Toni: la Juventus passa a Cagliari 3-1


Crisi finita? E' presto per dirlo, ma la Juventus vince a Cagliari 3-1 grazie a una doppietta di Matri e al centesimo gol in Serie A di Luca Toni (prima rete con la Juve). Una partita dai tanti motivi di interesse, che ha visto la squadra di Del Neri partire bene ma soffrire nella parte centrale, per poi riprendersi alla grande nel finale.

La prima notizia la offre proprio Del Neri che abbandona il suo amato 4-4-2 per un inedito 4-3-3: Krasic e Martinez affiancano Alessandro Matri, l'ex di turno accolto da bordate di fischi. Il centrocampo a 3 è costituito da Felipe Melo come vertice arretrato e Aquilani e Marchisio a mettere ordine e a proporsi in avanti a turno.

In difesa altra novità: Chiellini torna dopo 5 anni a fare il terzino sinistro, mentre la coppia centrale, inedita anch'essa, è Barzagli-Bonucci. La Juventus parte bene, ma il giovane Sorensen sulla destra mostra diverse difficoltà a chiudere sul velocissimo Cossu, di gran lunga il più in forma del Cagliari.

Con i centrocampisti di nuovo nel loro ruolo naturale abbiamo assistito a bei fraseggi e a diversi movimenti ben fatti, anche grazie ai movimenti di Krasic e Martinez, relativamente meno legati a stretti compiti di copertura (specie il serbo). Da uno di questi fraseggi nasce un'azione che libera Matri al tiro davanti al portiere: l'emozione gioca un brutto scherzo al nuovo attaccante della Juve, che spara addosso al portiere Gazzi.

L'appuntamento con il gol è rimandato di qualche minuto, quando, da un'azione simile, Matri riceve al limite dell'area e si coordina immediatamente per un tiro violento e preciso che batte un portiere del Cagliari un po' sorpreso. E' il primo gol di Matri con la Juventus (nella foto con Krasic)e lo segna proprio alla sua ex squadra: Alessando non esulta.

Il primo tempo è molto convincente: si vedono bei numeri di Marchisio, Aquilani e anche Krasic, che torna a mostrare un paio di progressioni delle sue. Poi, nella ripresa, il Cagliari prende coraggio e, complice qualche indecisione della squadra bianconera in fase difensiva, si rende pericoloso in un paio di occasioni. In una di queste, Acquafresca pareggia: l'azione è quella del classico cambio di gioco, quello con cui tutte le squadre sanno ormai di poter far male alla stretta difesa bianconera; Cossu è bravo a trovare l'attaccante italo-polacco a centro-area, lasciato libero da un Martinez poco attento in fase di copertura.

Segue una fase di grande sofferenza, che per fortuna non porta ad altre reti sarde. Del Neri corre ai ripari e inserisce Del Piero, Sissoko e Toni: ne nasce un inedito 4-3-1-2, con Del Piero dietro le punte. Di fatto assistiamo ad una squadra di Del Neri senza esterni, cosa che non avremmo mai pensato: 4 difensori centrali, 3 centrocampisti centrali e 3 punte.

Ma aldilà della tattica, la differenza la fanno la qualità dei calciatori e la loro grinta. La Juve non ci sta a pareggiare e inizia a proporsi in avanti con sempre maggior convinzione, complice anche lo spazio lasciato dalla squadra di Donadoni, che gioca a viso aperto.

Da un'ottima azione di Del Piero viene innescato Chiellini che arriva sul fondo e mette in mezzo: a centroarea Matri si coordina benissimo e batte nuovamente Agazzi con un bel tiro al volo. E' il 2-1 che dà morale e tranquillità! Gli spazi aumentano e la Juve, dopo un gol giustamente annullato al Cagliari, passa ancora: da un'azione di Barzagli sulla destra, Toni riceve un bel cross alto che gira con violenza in porta nonostante si trovi al limite dell'area. Il portiere rossoblù non è impeccabile, ma il colpo di testa è davvero da manuale.

Per la prima volta i tifosi della Juventus hanno potuto ammirare una doppietta di Matri, la mano all'orecchio di Luca Toni e un Del Neri finalmente duttile tatticamente. Buona anche la prove di Barzagli, sempre attento nelle chiusure e ottimo in proiezione offensiva: per quel che è costato, sembra rivelarsi un acquisto notevole.

Ma è finita la crisi della Juventus? Ovviamente no: la squadra bianconera deve tornare ai vertici alla svelta e deve convincere con il gioco e non solo con le giocate dei singoli. Questa sera abbiamo visto cose interessanti, ma anche una squadra in difficoltà nel momento migliore del Cagliari. E domenica c'è l'Inter...

1 commento:

Marco ha detto...

Vittoria importante ma ora c'è l'Inter e considerando che eto'o parte dalla sinistra se gioca Sorensen terzino destro abbiamo già perso...messo in crisi da Cossu cosa farà contro eto'o???bisogna rimediare!!!

Posta un commento