domenica 6 febbraio 2011

JUVENTUS IN FORMA DOPO LA VITTORIA DI CAGLIARI: BARZAGLI OK E MATRI IN NAZIONALE


Tutto secondo programma. Tutto come previsto. O semplicemente, tutto come doveva andare. La Juventus sbanca il “Sant’Elia”, fa 3 gol e convince. E come ampiamente anticipato nel mio scorso pezzo, magicamente la crisi è finita. Fateci caso: improvvisamente la squadra bianconera è uscita dalla crisi, improvvisamente ha imposto il suo gioco e improvvisamente ha ripreso il cammino verso le posizioni di classifica che contano. Beh, complimenti a tutti i buonisti che salgono ora sul carro dei vincitori. Complimentissimi. Siete davvero obiettivi.

Non per vantarmi, ma lo avevo ampiamente previsto. Soprattutto durante una delle tante analisi nei giorni scorsi. Non esisteva nessuna crisi: i bianconeri avevano mostrato di esserci, soprattutto dopo la partita di Palermo. Presenti in mezzo al campo dal momento del 2-0 fino al ’90. Avevano imposto il loro gioco, avevano dominato in zona d’attacco e fallito almeno 6 palle gol limpide. Alla faccia della crisi eh? Sono bastati alcuni correttivi e la squadra ha ricominciato a macinare gioco. Tutti scagliati contro Delneri; ma sono bastate poche mosse al tecnico di Aquileia per ristabilire gli equilibri tattici in mezzo al campo.

In difesa, la variazione più logica non poteva far altro che giovare all’assetto del reparto arretrato. Non a caso Barzagli (foto a sinistra) è stato preso proprio per dare più solidità in zona centrale. Grande personalità e senso della posizione. Giocatore d’esperienza internazionale. Peccato che vicino abbia un Bonucci che fa più danni della grandine. E’ un calciatore sopravvalutato, sbaglia a volte i movimenti più elementari, e se non fosse per il partner di turno che toglie regolarmente le castagne dal fuoco, la difesa bianconera sarebbe da serie B. E poi c’è Chiellini, il nostro Giorgio dimostra di essere il solito baluardo insuperabile: qualche colpa sul gol dell’1-1 di Acquafresca, però bella la partita del centrale della Nazionale. Poche sbavature, ma soprattutto da rimarcare l’assist servito a Matri per il 2-1. Sa attaccare e difendere: è quello il suo ruolo, non c’è niente da fare.

Per quanto riguarda il centrocampo posso solamente sottolineare il buon momento degli interditori juventini; Marchisio su tutti, che continua a dare tanta e tanta sostanza alle manovre di mister Delneri. Un po’ in ombra Aquilani, ma nel complesso la linea mediana regge bene. E conserva soprattutto i suoi equilibri fondamentali.

Capitolo attaccanti: riscontriamo lo stato di grazia di Matri, che come anticipato da me nello scorso articolo (e qui mi prendo tutti i meriti), regala un bel dispiacere ai suoi ex-tifosi, anzi due bei dispiaceri. E inoltre conquista meritatamente la convocazione in Nazionale da parte del ct Prandelli. Pollice giù per Martinez, che potrebbe dare tantissimo rispetto a quello che sta dando adesso: rimpiango il giocatore che a Catania faceva davvero la differenza. Sorpresa della giornata: il rientro di bomber Toni, e che rientro! Tutta la sua esperienza al servizio dei bianconeri, e un gol da incorniciare. La sua condizione non è eccelsa, ma i gol sono un’ottima medicina contro le astinenze forzate dal tabellino dei marcatori.

Crisi? Come pensavo e credevo, non c’è nessuna crisi. Solo un leggero momento di sbandamento, dopo il quale mister Delneri ha saputo fare quadrato, e apportare le giuste modifiche; non è cosi scontato plasmare un sistema di gioco duraturo con pochi giocatori d’esperienza a disposizione. Non dimentichiamoci di avere l’infermeria piena da settembre. E nn dimentichiamoci nemmeno che siamo a 2 punti dall’Europa League e a 3 dalla zona Champions. E’ bene non perdere mai di vista i propri obiettivi, soprattutto se, ora come ora, sono cosi vicini.

2 commenti:

Marco ha detto...

La crisi non è finita!!ora c'è l'inter...vincere contro di loro vorrebbe dire crisi finita...

Anonimo ha detto...

io sono d'accordo con te. contro il palermo la squadra non è sembrata in crisi e neppure in debito d'ossigeno. Addisrittura contro la roma aveva avuto un piccola reazione ed anche con l'Udinese non erano stati un disastro.
poi.... tutti a criticare l'acquisto di Toni.....io l'ho visto giocare con il Genoa qualche partita e mi sembrava tutto tranne un giocatore finito....ci metteva voglia e grinta e non stava affatto giocando male....dunque speriamo che segua il cammino anche alla Juve.
cmq con un attaccante che crea spazi e sa stoppare un pallone come Dio comanda (tale Matri) la juve può dire ancora molto e non sono affatto pessimista sulla partita con la seconda squadra di milano!

Posta un commento