giovedì 3 febbraio 2011

POSTPARTITA PALERMO-JUVENTUS: MA QUALE CRISI!


Negli scorsi interventi ho focalizzato la mia attenzione sul momento ‘no’ della nostra amata Juventus, sul problema infortuni, sullo stato di forma di alcuni elementi che non stanno rendendo al meglio. Dopo la sconfitta di Palermo ovviamente si scatenano le critiche: tutti addosso a Delneri, che improvvisamente è diventato incompetente. Tutti addosso alla società, che di punto in bianco è tornata ad essere una società di Serie B (anzi, dilettantistica). Krasic che è diventato un brocco rispetto a quando faceva le triplette tempo fa. E chi ne ha più ne metta. 8° posto, con la paura che la stagione finisca nella parte destra della classifica; e quindi non ci qualificheremo nemmeno per l’Europa League se continuiamo di questo passo. Ma io dico, siamo impazziti vero? Ma L’avete vista la partita si o no?

Tutti che parlano di crisi, non sapendo nemmeno il significato della parola stessa. Parliamo volentieri di crisi dopo la partita di Genova con il nostro attacco sterile, oppure contro la Roma in Coppa dove abbiamo fatto mezzo tiro in porta. Vada anche la partita contro l’Udinese, ma scusate dopo Palermo-Juventus non ci sto a dire che la squadra è in crisi. Non ci sto assolutamente.

Fino al 2-0 la squadra era stordita, e fin qui ci siamo. Ma ci poteva stare. C’era da aspettarselo. Il Palermo non è una squadra di sprovveduti. Delio Rossi è un grande allenatore (basti pensare ai miracoli fatti a Roma con una Lazio allo sbando), Pastore in prospettiva è uno dei giocatori più talentuosi del panorama mondiale. Miccoli li davanti sa il fatto suo. Gli sloveni Ilicic e Bacinovic hanno esperienza internazionale da vendere. E poi Nocerino non è uno che si tira indietro, soprattutto contro la sua ex squadra. Ci sta un piccolo momento di sbandamento, soprattutto se parliamo di approccio pre-partita. Si gioca sempre in trasferta, e poi il vecchio “La Favorita” è sempre stato un campo difficile. Il Palermo vi ha raccolto 24 punti su 36; non proprio in modo cosi casuale direi.

Quindi vorrei sapere dov’è questa crisi. Dopo il 2-0 cosa vogliamo dire? Cosa vogliamo rimproverare ai bianconeri? Cosa rimproveriamo a Delneri se ha mezza squadra fuori per infortunio? I nostri ragazzi hanno giocato eccome. I Rosanero sono stati messi alla sbarra. Fronteggiati ed aggrediti: tanto che dopo il gol di Marchisio, se solo Matri (nella foto) non avesse mancato il tap-in vincente sotto porta, ora staremmo a parlare di un’altra partita. E poi il secondo tempo è stato di grande intensità. La squadra di Delneri ha fatto abbassare il Palermo, che non ha potuto far altro che ripartire in contropiede, visti gli spazi che si creavano. Basti pensare che Sirigu si è reso protagonista di alcuni interventi davvero decisivi, con Bovo autore di un salvataggio altrettanto miracoloso. Se attacchi molto è logico che devi pur rischiare qualcosa. Delneri è incompetente? Beh, non credo proprio. Dov’è la crisi se una squadra crea 7-8 palle gol in una partita, e a maggior ragione fuori casa? Quale squadra crea cosi tanto? Io onestamente non la vedo.

Poi ancora. Morganti? Non diamo colpe agli arbitri per favore. Altrimenti non parleremmo proprio più di calcio. Il calcio non si fa con i se e con i ma. Sappiamo che è una categoria “particolare” quella delle giacchette nere, e che sono soggetti predisposti ad errori molto frequentemente. Se lo stesso Morganti avesse convalidato l’1-1 di Toni a Napoli allora anche in quel caso saremmo qui a parlare di un’altra storia. Senza trascurare il fatto, che la sconfitta al “San Paolo”, forse non poteva essere poi del tutto evitata: anche perché con un Cavani in quelle condizioni sfido io....

4 commenti:

Andrea ha detto...

7-8 palle gol mi sembra un po generoso, comunque la cisi sta nel fatto che la squadra ha creato una serie di palle gol senza finalizzarne nessuna,attaccando senza organizzazione tattica ma solo con rabbia,lasciandosi preda di facili contropiedi ,come nel caso di Miccoli al 32'e soprattutto al 37',rischiando un passivo ben peggiore.

Anonimo ha detto...

Crisi si e pure grossa!!!

lolindir ha detto...

La crisi c'è ma non è colpa di Del Neri.
Lui sta giustamente facendo tutto quello che può con le sole forze che gli sono rimaste a disposizione, e con una situazione psicologica personale tutt'altro che tranquilla.
Non è la voglia il problema, ieri sera hanno dimostrato che non è nemmeno la grinta.
E' la condizione fisica piuttosto, che soprattutto nei giocatori più "importanti" sembra decisamente precaria.
Comprensibile per quel che riguarda Krasic, di cui tutti sanno che non si ferma un attimo da due anni; molto meno per Aquilani, che non viene certo da una società con la quale giocava 3 partite settimanali.
Problemi che stanno cominciando a coinvolgere anche Chiellini e Del Piero.
E' questa l'unica , vera preoccupazione del mister. Gli infortunati sono sempre troppi, e quelli che possono invece giocare non sono oltre il 60% della forma.
Considerando il fatto che la Juve è l'unica delle "grandi" che gioca solo UNA competizione, viene sicuramente da pensare.
Ad ogni modo, la classifica continua a rifutarsi di condannarci, dunque non è mai troppo tardi...

Sugli arbitri, mi dispiace, non sono d'accordo.
Decisioni come quelle di coppa con la roma e come quelle di ieri sera DECIDONO UNA STAGIONE, e se non lo fanno, sono comunque in grado di farlo.

Marco ha detto...

Vediamo se Zamparini parla ora o sta zitto...arbitraggio scandaloso!! una partita falsata...

Posta un commento