mercoledì 2 febbraio 2011

UN MERCATO CHE LASCIA POCO OTTIMISMO PER IL FUTURO



l'arrivo di Matri non può certo fare cambiare la valutazione del mercato di riparazione della Juventus ,che appare ovviamente gravemente insufficiente,deficitario e del qualle si stenta a capire il senso.

Non a caso Pierpaolo Marino, commentando questa sessione di calciomercato bianconero afferma:"nel calciomercato dei bianconeri continua a non intravedersi un progetto".

Ma i problemi si faranno sentire ancora di più in ottica futura!

L'arrivo di Matri comporterà infatti a giugno un eccessivo sacrificio tecnico (Ariaudo) ed economico(15milioni) e aggiungendo quanto necessario ai riscatti (molto probabili) di Aquilani,Pepe e Quagliarella, la cifra che dovrà spendere la Juventus l'anno prossimo, SOLO per trattenere chi si è comportato bene quest anno, arriva a ben 49,5 milioni di euro.


Ammettendo anche qualche sconto e magari la possibilità di rateizzare questi esborsi, si tratta comunque di cifre importanti per una società che a giugno dovrà ,evidentemente, sostituire i gicotari che non credo (spero)verranno riscattati (Motta,Traorè,Rinaudo), i giocatori che non fanno più parte del progetto o che comunque probabilmente partiranno (uno fra Storari e Manninger,Grosso,Salihamidzic,Toni e forse Grygera e Sissoko) e soprattutto comprare i giocatori di qualità promessi dal presidente nella sua conferenza stampa (almeno 3, un attaccante e 2 terzini).


Un po troppo da fare per una squadra e una società che non ha soldi e non sembra intenzionata a fare investimenti massicci. Sarò pessimissta ma prevedo l'ennesima rivoluzione, una squadra nuovamente in prestito ,fatta con poca cognizione,che temo porti nuovamente a miseri risultati.


Felice di essere smentito dai fatti ma l'ottimismo per il futuro,con queste premesse, scarseggia.

1 commento:

Luigi ha detto...

E' un'analisi lucida e realistica. I tifosi spesso non vogliono sentire queste cose, ma è giusto che le sappiano. Anche solo per non cadere dalle nuvole a giugno...

Posta un commento